Le capitali gay friendly d’Europa

Tra le capitali presenti nel Vecchio Continente, alcune si distinguono per il loro senso di ospitalità e rispetto delle comunità omosessuali.

amsterdam-gay-friendlyAmsterdam

Amsterdam, da sempre considerata una città a dimensione d’uomo, è particolarmente apprezzata anche per il senso di libertà e tolleranza che si respira tra la gente. La comunità gay presente è di oltre il 20% e questo significa che ci sono tantissimi locali e bar gay friendly in ogni parte della città anche se la concentrazione si trova a ridosso della zona che incornicia Rembrandtplein, in Warmoesstraat vicino al distretto a luci rosse e lungo l’Amstel.  Il Pink Point a Homomonument –ossia il monumento alla tolleranza dei generi- è un punto dove trarre informazioni sulla Amsterdam gay a 360°.

Berlino

Berlino, oltre ad essere un centro nevralgico della cultura e delle tendenze d’Europa, è famosa per essere una capitale gay friendly tanto da avere un museo totalmente dedicato al movimento per i diritti omosessuali: il Schwules Museum.
Presenti in città molti locali e punti d’aggregazione delle comunità gay anche se i quartieri Schöneberg e Krautzberg sono quelli tradizionalmente riconosciuti come fulcro della vita gay e queer. Punti nevralgici del quartiere di Schöneberg sono i locali Connection, lo SchwuZ e L’SO 36.

Praga

La giovane capitale Praga è una città ricca di movida giovanile e questa caratteristica, unita alla bellezza della città e all’atmosfera che si respira, la rende una delle destinazioni più gettonate dai gay che l’hanno eletta tra le città friendly d’Europa. Non esiste un vero quartiere dedicato alla comunità gay ma in tutta la città sono presenti locali e ritrovi anche se, i più noti sono il Pinocchio Gay Center con bar, disco ed eventi live e il cabaret Tingl Tangl.

Parigi

Parigi, città cosmopolita è da sempre aperta ad ogni tipo di cultura. Il quartiere di riferimento della comunità gay è il Marais dove si trovano tantissimi locali amati da lesbiche, gay e trans. Famosi sono la discoteca lesbo di Les Bains, ed il Red Light denominato confidenzialmente L’Inferno.

Londra

Non poteva mancare all’appello la capitale del Regno Unito. Londra è un punto di ritrovo di gay di tutto il mondo che, non raramente, hanno scelto di trasferirsi a vivere in questa città per le tante attrattive che offre, non ultima la sua intensa movida notturna. La zona di Old Compton Street nel famoso quartiere di Soho, storico punto di incontro della comunità omosessuale, è quella più celebrata e frequentata di tutta la città che, comunque, presenta locali di tendenza dove è facile relazionarsi e fare incontri.

Add Comment